Acquisti on line: dal 13 giugno la UE cambia le regole



Era ora: dal prossimo 13 giugno cambieranno le modalità per gli acquisti on line grazie all’indirizzo arrivato dall’Unione Europea a garanzia dei consumatori. La UE insiste su di un punto fondamentale: queste nuove norme sono state adottate nel segno della trasparenza allo scopo di dare un’ulteriore spinta al mondo dell’e-commerce o, più generalmente, al commercio operato al di là dei negozi fisici.

La direttiva 83/2011/UE è entrata regolarmente in vigore lo scorso 26 marzo ed impone delle regole omogenee a tutti in paesi dell’Unione e, per quanto riguarda l’Italia, andrà a regolarizzare un giro di affari pari a 14 miliardi di Euro.

Fra le novità più importanti per gli acquisti on line dobbiamo subito citare la possibilità, per i consumatori, di avere maggior tempo per restituire il prodotto acquistato se insoddisfacente: si passa, infatti, a 14 giorni per il diritto di recesso. Dopo averlo comunicato, poi, l’acquirente avrà ancora due settimane per restituire i suoi acquisti on line mentre la restituzione del denaro dovrà avvenire entro 14 giorni dalla comunicazione del recesso.

Le spese che l’acquirente dovrà sostenere per la resa dovranno essere comunicate in anticipo rispetto all’acquisto ed in maniera palese. Per quanto riguarda gli acquisti tramite telefono, il venditore dovrà mandare un contratto cartaceo da far firmare prima di spedire il prodotto.

Ancora, per ciò che riguarda i contenuti digitali, dovranno essere proposte informazioni più trasparenti circa la qualità e la compatibilità del prodotto. Queste e tante altre le novità relative agli acquisti on line anche se, ca va sans dire, qualche problema rimarrà sempre: il progresso, del resto, è inarrestabile.

 

europa