Le slot machine online con soldi veri compiono un anno!



Le slot machine, ai primi di Dicembre, compiranno un anno. Nel 2012 debuttavano infatti sul web nella versione con “soldi veri”, dopo un periodo di rodaggio nella versione tradizionale nei bar e nei casinò terrestri. Si tratta di un giro di affari di centinaia di miliardi che ha consentito all’erario di ottenere ulteriori introiti dal mercato del gambling online. Sono circa duecento gli operatori autorizzati dall’AAMS che hanno investito nel settore delle slot machine online; di questi ben cinquanta erano nuovi operatori che si affacciavano per la prima volta su questo mercato. Tra le novità recenti più interessanti troviamo le slot dedicate ai personaggi dei cartoon: è il caso ad esempio della slot di Iron Man e della Pantera Rosa.

Le slot online certificate AAMS rappresentano inoltre un’alternativa più affidabile rispetto ai siti stranieri su cui già molti italiani trascorrono il loro tempo senza disporre delle dovute garanzie.
Si tratta insomma di un prodotto assolutamente affidabile e regolamentato; in generale, infatti, l’intero comparto del gambling online italiano presenta normative all’avanguardia che vengono spesso prese come punto di riferimento negli altri mercati europei. Gli strumenti di controllo sono svariati: l’utente deve infatti fornire i propri dati personali e ha la possibilità di cancellarsi dal sito quando vuole; inoltre, sui siti autorizzati, l’utente può vedere tutti i dettagli delle giocate (importi e cronologia).

Già nel 2012, le previsioni parlavano di un successo in grado di compensare il calo del 12% registrato complessivamente dal mercato del gambling online nel 2011. Vista l’immediatezza e la semplicità di questo gioco si riteneva non a torto che le slot machine versione “real money” potessero richiamare l’attenzione di migliaia di utenti (anche di quelli che avevano poca confidenza con il poker e in generale i giochi di azzardo). Per l’anno in corso, la raccolta stimata era di quasi quattro miliardi di euro (il dato è stato peraltro fonte di preoccupazione per gli operatori interessati nel business delle slot machine “tradizionali”, molto diffuse nei bar). Vedremo a inizio 2014 se le previsioni erano corrette!

Tra gli aspetti da non sottovalutare c’è però il rischio ludopatia. Proprio la “rapidità” del gioco online e in particolare delle slot machine rischia di creare dipendenze, sopratutto negli utenti più a vulnerabili come i minorenni. Il Decreto Balduzzi, proprio quest’anno diventato legge, pone un freno alla diffusione delle slot fisiche in punti limitrofi alle scuole e agli ospedali, tuttavia non prevede norme specifiche per la tutela dei minori che giocano abitualmente online.
roule