Renzi vs Grillo a colpi di tweet: accordi on line?



Chi conosce il modo di fare di Renzi non è rimasto certo sorpreso dalla fregatura che ieri ha tirato a Grillo ed ai suoi. Il Movimento 5 Stelle, infatti, avrebbe dovuto incontrare il PD per discutere di legge elettorale ma all’ultimo minuto il tavolo è saltato. Perché? Semplice… il PD ha chiesto rassicurazioni scritte.

Strano, perché l’incontro con Berlusconi (già pregiudicato e condannato a 4 anni per frode fiscale) è avvenuto al buio, nella sede del PD e senza rassicurazioni preventive… ma tant’è, Renzi di Grillo a quanto pare si fida meno di Berlusconi!

L’intera diatriba fra PD e M5S, dunque, si sta ancora svolgendo on line: dopo un primo momento in cui lo sdegno di Grillo per lo staff di Renzi è tornato sugli accesi toni usuali, la strategia del M5S è poi cambiata.

Ieri sera, infatti, sul sito www.beppegrillo.it sono comparse le risposte alle domande poste dal PD ai grillini. Il Movimento 5 Stelle, dopo l’ultima tornata elettorale che ha portato il PD al 41 %, ha deciso di dialogare per riformare la legge elettorale: dieci sono i SI alle domande del PD. Ad ogni SI, però, corrisponde una specifica in cui si chiariscono i limiti della disponibilità.

Certo… la base del M5S non ha digerito i dieci SI a Renzi e sul blog sono partite le prime contestazioni: chi voleva che il M5S mandasse tutti a casa, infatti, ora si ritrova a fare i conti addirittura con dieci SI.

Possibile che la politica sia fatta solo di accordi così trasversali? Difficile a dirsi. Certo è che ormai PD e M5S comunicano a colpi di tweet o, al massimo, di post!

 

risposte