Rojadirecta sotto sequestro: a rischio la Serie A in streaming



Guai per Rojadirecta e, di conseguenza, guai per tutti coloro che negli ultimi anni si sono affidati ad uno dei siti di streaming sportivo più conosciuto al mondo. Il Gip di Milano Andrea Ghunetti, infatti, ha disposto il sequestro preventivo di Rojadirecta.

La Procura, dunque, ha chiesto il sequestro in seguito agli esposti di RTI e della Lega Calcio. In vista del prossimo campionato di calcio di Serie A, dunque, iniziano a muoversi le sirene che fanno capo ai grandi interessi economici legati alle dirette delle partite di calcio delle squadre più importanti d’Italia.

I legali del sito – Fulvio Sarzana, Giuseppe Vaciago e Giovanni Maria Riccio – hanno da poco presentato ricorso al Tribunale Del Riesame per ottenere il dissequestro.

Come tutti sanno, Rojadirecta da anni riesce a catturare il segnale delle più importanti partite del calcio mondiale. Per ciò che riguarda l’Italia, nei primi tempi gli utenti potevano assistere alle partite con commento in lingua straniera. Ultimamente, invece, proprio Rojadirecta è riuscito a proporre le partite di Serie A in Italiano, talvolta anche con il commento dei vari telecronisti cosiddetti tifosi.

Evidentemente tutto questo ai grandi colossi del calcio nostrano non va più giù e, dunque, è appena iniziata la battaglia per oscurare tutti quei siti che riescono a trovare un escamotage per trasmettere le partite del campionato di calcio italiano in diretta.

Diversa battaglia, invece, è stata avviata da alcune tifoserie delle grandi squadre di calcio italiane: uno dei cori più in voga sugli stadi, infatti, è: No alla Pay-TV, No al calcio moderno.

 

400px-Marek_Hamšík_-_SSC_Neapel_(1)