Renzi e gli 80 €: in Italia la tv è ancora più forte del web

Ha vinto Renzi? Ha perso Grillo? Quanta gente ha votato? Quanto ha pesato il web, quanto la tv e quanto l’ignoranza e la disinformazione in questa tornata elettorale per il rinnovo del Parlamento Europeo? Tante domande all’indomani di un voto che in Italia ed in Europa ha strabiliato un po’ tutti. Basti solo pensare alla Francia – dove i fascisti della Le Pen sono diventati primo partito – per capire che in Europa qualcosa si muove anche se, a conti fatti, il prossimo parlamento europeo sarà a maggioranza dei popolari e conservatori.

Veniamo all’Italia: Renzi e Grillo si sono sfidati a colpi di sceneggiate tralasciando i temi europei. Renzi – che Berlusconi pochi mesi fa ha sostanzialmente designato come suo plausibile erede – ha imparato bene la lezione del Cavaliere: nel 1994 vinse lo slogan <<Un milione di posti di lavoro>>, oggi ha vinto lo slogan <<80 euro per tutti>>.

A vincere, in realtà, è la tv che in Italia ha decisamente battuto il web; Grillo lo ha capito troppo tardi e non è bastato un giro dal navigato Vespa per cambiare le cose.

In Italia, dunque, il web non conta poi tanto così come non contano le piazze: semivuote quelle del Pd, piene o quasi quelle del M5S. Eppure… il volto di Matteo Renzi è apparso in ogni show televisivo del mattino, della sera e della notte (l’Agcom ha anche multato Rai e Mediaset, ma a che pro?).

La ricetta? Sempre la stessa, random, per circa un mese: <<80 euro, 80 euro , 80 euro>>! Ed agli italiani è andata bene così. Renzi vince, dunque. E Grillo perde.

Vince, però, anche Berlusconi: Dell’Utri latitante, lui ai servizi sociali, Scajola in galera, eppure… il 16 % dei consensi di Forza Italia (più il 4 % di NCD), rappresenta su per giù gli stessi elettori che il Cavaliere aveva un anno fa.

Ah… quasi i 50 % degli italiani non ha votato. Chi è, quindi, che ha vinto davvero?

 

 

renzi

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica